Come diceva Aldo Moro

bindi-rosy-690x450 Come diceva Aldo Moro

L’invito dell’onorevole Rosy Bindi ad essere cittadini dalla parte della legalità

Ha scomodato uno dei giuristi e politici più eccelsi della storia della democrazia italiana per rimarcare i suoi principi sul dovere morale di ogni cittadino, di fare la propria parte nella lotta alle mafie. E così l’onorevole e già presidente della Commissione antimafia, Rosy Bindi ha ribadito che
«Sempre di più credo si debba essere convinti che per combattere le mafie non bisogna essere specialisti dell’antimafia o gli eroi, perché le mafie vanno conosciute, ma le mafie si combattono esercitando appieno il nostro status di cittadini. Conoscendo la stagione dei diritti e dei doveri, come diceva Aldo Moro» .

A margine della presentazione del libro “Un morto ogni tanto” del giornalista Paolo Borrometi, avvenuta a Bari, ieri sera, l’onorevole Bindi ha rimarcato l’importanza del giornalismo d’inchiesta che non deve mai essere fine a se stesso: «Il lavoro di chi fa giornalismo d’inchiesta, come quello dei magistrati, è sicuramente prezioso, ma deve essere concepito a sostegno di una cittadinanza sempre più attiva, sempre più responsabile, perché la forza delle mafie, spesso è fuori dalle mafie, nel nostro negazionismo, nel nostro silenzio e nella nostra disponibilità ad accettare un po’ di illegalità tutti i giorni». Atteggiamento che apre varchi ai poteri criminali.

Carmen Cretoso

carmen cretoso
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *