Dalla bellezza del mare alla grandezza dello spazio libero: le conquiste dei malati di Sla

tutti-in-camper-1 Dalla bellezza del mare alla grandezza dello spazio libero: le conquiste dei malati di Sla

Partito “Tutti in camper!”, un servizio di trasporto per persone con gravi disabilità

Un camper donato diventa una casa itinerante per i malati che vogliono viaggiare. Dopo la bellezza del mare, anche la grandezza dello spazio libero e le emozioni del viaggio. I malati di Sla riconquistano piano piano le cose belle della vita, rubate dalla malattia.

 L’associazione pugliese 2HE – Center for Human Health andEnvironoment che quattro anni hafatto nascere IO POSSO, un gruppo di volontari impegnati a “La Terrazza” prima spiaggia d’Italia ad offrire l’accesso ai malati di Sla, oggi prova a realizzare il secondo sogno di Gaetano Fuso, 42enne, poliziotto in congedo perché affetto da Sclerosi Laterale Amiotrofica.

Dopo il successo dei cinquecento accessi balneari, nasce, dunque, anche “Tutti in camper!”, un servizio di trasporto per persone con gravi disabilità motorie che a causadelle limitazioni imposte da una malattia o da eventi traumatici  (immobilizzazione, uso di carrozzine speciali, dipendenza da macchinari, ecc.) non possono usufruire dei classicimezzi e servizi di trasporto accessibili (treni, aerei, strutture ricettive).

 Il camper lungo più di 10 metri ed accessoriato di ogni confort era di Michele Riva, un guerriero di Torino che ha combattuto a lungo la grave malattia, e che per suo volere, dopo la sua morte, è stato donato all’associazione di Gaetano Fuso perché potesse diventare la casa per chi,inchiodato ad un letto e legato ai macchinari per l’ossigenazione, non riesce a godere degli spazi liberi.

Come per l’accesso in spiaggia anche questo progetto si tiene in vita grazie alle donazioni perché il malato e la sua famiglia non debbano pagare.

“ Per usufruire del servizio è sufficiente chiamare il numero dedicato (333 266 1415) o scrivere all’indirizzo camper@ioposso.eu per illustrare le proprie necessità. A partire dalle esigenze del viaggiatore, si stila un programma valutando ogni aspetto (percorso, soste, pernottamenti,attrezzature specifiche necessarie, ecc.) e si stima il costo globale delviaggio in tutte le sue voci (carburante, pedaggi, autisti, ecc.)” spiega Giorgia Rullo, presidente dell’associazione e moglie di Gaetano, che da anni lotta al suo fianco.

  “Una volta quantificato il budget necessario, è l’Associazione 2HE a farsi promotrice diuna campagna mirata di crowdfunding per raggiungere la cifra prevista. L’utente si impegna a diffondere la raccolta fondi tra i propri contatti e/o associazionidi riferimento” specifica Giorgia che con grinta e la  forza assiste il suo compagno di vita anche aiutando a rendere realtà le sue idee.

Carmen Cretoso

carmen cretoso
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos