Dopo 19 giorni la Sea Watch può sbarcare

Sea-Watch_2-690x450 Dopo 19 giorni la Sea Watch può sbarcare

Saranno accolti da otto Paesi diversi, Italia compresa

«L’Unione europea rilascia i suoi 49 ostaggi» . Scrive così sul proprio account Twitter la Sea Watch, commentando la lunga decisione per l’approdo a Malta dei migranti fermi da 19 giorni in mare. A darne l’annuncio il Primo ministro di Malta Joseph Muscat nel corso di una conferenza stampa. Le 49 persone a bordo delle due imbarcazioni di Sea Watch e Sea Eye saranno poi ricollocate in otto paesi dell’Unione europea: Germania Francia, Portogallo, Irlanda, Romania, Lussemburgo, Olanda e Italia. Saranno 15 quelli accolti nel Belpaese.

LE REAZIONI
«Sono felice che i nostri sforzi per fare sbarcare i migranti sulle imbarcazioni a Malta abbiano prodotto risultati e che tutti quelli a bordo ora sono stati sbarcati. Esprimo le mie lodi a Malta per aver permesso questo sbarco e agli Stati membri che hanno dimostrato solidarietà attiva accettando i migranti», ha twittato il commissario agli Affari interni dell’Ue, Dimitris Avramopoulos.

«Dopo troppi giorni la vicenda Sea Watch si sta per chiudere come avrebbe dovuto sin dall’inizio: l’Ue si è fatta carico del problema e ha diviso per quote i richiedenti asilo. Sono felice per quelle persone. L’Italia, come era ovvio e giusto, dovrà fare la sua parte», ha dichiarato Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia.

Ciro Oliviero




SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Migranti: problema Regolamento Dublino

Sea Watch, accolto appello del Papa

Agorà, i sindaci contro Salvini

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos