Gli strumenti giuridici a sostegno dei ludopatici

azzardo-poker-690x450 Gli strumenti giuridici a sostegno dei ludopatici

L’Italia è al quarto posto nella graduatoria del gioco d’azzardo

L’azzardo in questi anni ha avuto un aumento esponenziale, raggiungendo un numero di giocate pari a 95.5 miliardi e investendo il 47% della popolazione.
L’Italia è al quarto posto nella graduatoria mondiale del gioco d’azzardo globale (dopo Usa, Cina e Giappone) mentre la Regione Campania è ai primi posti in Europa per numero di giocate.
In Italia ci sono più slot machine che posti letto in ospedale. Questa è la fotografia di un paese in cui la mafia prospera, grazie al gioco d’azzardo. Quello delle scommesse è un settore dal fatturato in crescita in cui lo Stato (definito giustamente biscazziere) non ha realmente interesse a combattere il fenomeno dell’azzardo poiché il gettito fiscale rappresenta ossigeno puro per le casse fiscali (siamo primi in Europa per entrate da giochi e scommesse). Ma sul fronte della prevenzione e della cura? Nessuna risposta. Poche risorse destinate dallo Stato ai Serd delle Asl competenti, i cui operatori, tra mille difficoltà e disponibilità limitate sono costretti ad un lavoro immane nella cura dei sempre più numerosi giocatori d’azzardo patologici che bussano alle porte delle strutture sanitarie. Anche per quanto riguarda gli strumenti giuridici a disposizione del contrasto al fenomeno siamo all’anno zero. Non vi è alcuna norma specifica a tutela del giocatore che può servirsi, per uscire dal proprio stato (soprattutto di sovraindebitamento) degli strumenti giuridici comuni a qualsiasi normale comune cittadino. Il legislatore dimentica che il “giocatore” e la sua famiglia hanno bisogno di una normativa specifica di “protezione” poiché il ludopatico in virtù del proprio istinto compulsivo si indebita fino al collo minando l’equilibrio familiare. Difatti le cause di separazione tra coniugi a causa della detta patologia sono aumentate in modo esponenziale. Come anzi detto pochi sono gli strumenti normativi per far uscire l’azzardopatico dalla propria condizione. Un istituto fondamentale è l’amministrazione di sostegno che consente al giocatore di poter far gestire la propria situazione finanziaria da un familiare o terzo estraneo, altra opportunità è offerta sia dalla Legge 3 del 2012 (cd. Legge sul sovraindebitamento) che consente al ludopatico di poter ripianare i propri debiti assunti in virtù del gioco con banche e finanziarie e sia dall’art. 15 della L. 108/96 sulla prevenzione all’usura (fenomeno cui è soggetto sovente e il giocatore).
Al vaglio del legislatore vi è anche la possibilità, su proposta della Federconsumatori, per il giocatore d’azzardo (con apposita certificazione del Serd competente) di accedere ai rimedi giurisdizionali gratuitamente con ammissione al gratuito patrocinio a spese dello Stato, indipendentemente dai requisiti di reddito.
La Federconsumatori Campania ha istituito uno sportello gratuito di ascolto per le persone affette da gioco di azzardo patologico.

Osvaldo Ciriello
Sportello Ludopatia Federconsumatori Campania






SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

L’Albania dichiara guerra al gioco d’azzardo

Sori no slot


Regione Toscana contro gioco d’azzardo

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos