Homeless, in viaggio con i volontari

Siamo andati in giro con i volontari della Comunità di Sant’Egidio

Un pasto caldo. Una coperta. Quattro chiacchiere. Una pacca sulla spalla. Sembrano azioni di poco conto, ma non lo sono. Non lo sono soprattutto per i senza fissa dimora di Napoli. Persone che apprezzano il sostegno di chi dona loro qualcosa, ma anche un minuto per parlare. Lo ha raccontato anche Enzo Aiello della Comunità di Sant’Egidio di Napoli.

Ieri siamo andati in giro con i volontari della Comunità di Sant’Egidio di Napoli che, come ogni martedì, hanno distribuito pasti caldi e coperte ai senza fissa dimora nell’area orientale della città. Gli homeless che i volontari hanno incontrato hanno dei posti fissi in cui passano la notte. Lì i volontari li hanno trovati e li hanno assistiti. Un’azione importante. Non solo nell’aspetto materiale, ma anche morale.

In una serata fredda come quella di ieri erano necessarie più coperte. È stata dunque provvidenziale la donazione di ottanta coperte da parte di Let’s Do It! Italy. L’associazione ambientale aveva deciso di donare una coperte in pile per ogni partecipante all’ultima azione di pulizia organizzata a dicembre sulla spiaggia di San Giovanni a Teduccio. E le ha donate alla sede della Comunità di Sant’Egidio dell’area orientale della città.



SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Una guida per i senza fissa dimora

A Bari arriva il Muro della solidarietà

Docce gratuite per i senza tetto

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos