Migrazioni forzate da crisi ambientali

a-sud-immagine Migrazioni forzate da crisi ambientali

Pubblicata la seconda edizione del report “Crisi ambientale e migrazioni forzate. Nuovi esodi al tempo dei cambiamenti climatici”, curato da Salvatore Altiero e Maria Marano per le associazioni A Sud e Centro di Documentazione sui Conflitti ambientali.

Un lavoro di ricerca collettivo che non ha tanto a cuore l’imparzialità della scienza quanto il fornire uno studio sulle migrazioni forzate indotte da cause ambientali che attraverso dati, testimonianze e analisi politica sappia fornire “giustificazione scientifica” a una tesi di parte, la “parte Sud” del Pianeta. Così come non basterebbe erigere barriere per scongiurare gli effetti dell’innalzamento del livello dei mari, né esistono tecnologie in grado di neutralizzare gli effetti dei cambiamenti climatici ,sembra voler dire il report, allo stesso modo muri e frontiere non potranno fermare la fuga di chi vive in quei luoghi della terra dove l’apocalisse climatica non è una prospettiva futura da studiare ma un presente che esplica già i suoi effetti disastrosi.

Questa la premessa di uno studio che invita il lettore ad allargare il proprio orizzonte sul tema delle migrazioni.

Secondo i dati del Global Report on Internal Displacement 2018 dell’Internal Displacement Monitoring Centre, nelle seguenti aree geografiche, il numero di persone in fuga dalle conseguenze di disastri naturali supera quello di chi fugge da guerre e conflitti: Asia orientale e Pacifico (8,6 milioni contro 705.000), Asia meridionale (2,8 milioni contro 634.000), America (4,5 milioni contro 457.000), Europa e Asia centrale (66.000 contro 21.000). Nell’Africa subsahariana abbiamo 5,5 milioni di migranti interni dovuti ai conflitti armati ma comunque 2,6 milioni di persone sono costrette a spostarsi a causa dei disastri naturali.

Ma che le cause ambientali non determino solo migrazioni interne è quanto meno ipotizzabile. In Italia, secondo dati Istat, sono stati concessi 262.770 permessi di soggiorno nel 2017, di cui il 38,5% per motivi di asilo e protezione umanitaria. Se guardiamo ai principali Paesi di cittadinanza delle persone in cerca di asilo e protezione internazionale in Italia, ai primi posti, troviamo Nigeria, Pakistan e Bangladesh. Ovvero Paesi segnati da da cicloni tropicali, inondazioni, piogge torrenziali, frane ma anche dagli impatti ambientali delle attività antropiche, come l’azione delle multinazionali del petrolio nel Delta State, causa di gravi casi di contaminazione.

Su 2,8 milioni di nuovi migranti interni associati ad eventi climatici estremi in Asia meridionale, ad esempio, 900.000 sono bengalesi. Scenari del genere non possono che incidere anche sulle migrazioni internazionali.

In molte aree del Pianeta, il cambiamento climatico e l’impatto ambientale del modello produttivo rendono ancora più gravi situazioni di povertà, violazione dei diritti umani, conflitti armati, cosicché risulta difficile associare la scelta di migrare ad una sola causa.

Parlare di migrazioni forzate determinate da cause ambientali non significa solo prendere in considerazione quelle determinate dal cambiamento climatico. Cause ambientali di migrazione possono essere considerati i conflitti per la gestione delle risorse naturali, come i minerali preziosi in Repubblica Centro Africana e Repubblica Democratica del Congo o il petrolio in Nigeria e Sud Sudan, così come gli effetti devastanti di grandi opere come le dighe, del landgrabbing e del watergrabbing. Negli ultimi 60 anni il 40% dei conflitti intra-statali ha avuto come scintilla proprio l’accaparramento e la gestione di risorse strategiche.

In questa chiave, assumere il tema delle migrazioni ambientali impone ai Paesi cosiddetti sviluppati un’assunzione di responsabilità sulle conseguenze di un modello di sviluppo fondato sullo sfruttamento intensivo delle risorse naturali e degli esseri umani che crea ricchezza iniquamente distribuita e incide sulla povertà di ampie fasce della popolazione mondiale.

La retorica delle “ondate”, dell’“invasione”, della “sostituzione etnica” adoperata ciclicamente nella descrizione dei flussi migratori diretti verso l’Europa cela una realtà molto diversa e più complessa. A dicembre 2018, i dati UNHCR parlano di 68,5 milioni di persone in tutto il mondo costrette a fuggire dal proprio Paese, un numero mai così alto.

Se andiamo avanti nell’analisi dei dati, la sensazione è sempre più quella di un mondo raccontato alla rovescia: sul totale dei rifugiati al 2017, l’84% è accolto in Paesi in via di sviluppo, il 26% nei Paesi più poveri in assoluto, meno del 10% nell’Unione Europea.

È per questo che il report assume la categoria del “capitalocene”, ponendo l’accento sul cambiamento climatico come prodotto storico dei rapporti di produzione e consumo, di potere ed economici che hanno condotto l’umanità fino al baratro dell’autodistruzione. Il report, in questa sua seconda edizione, presenta un focus sulle migrazioni ambientali in Italia, proprio per rendere chiaro che i cambiamenti climatici e lo spostamento forzato di popolazione per cause ambientali interessano ormai anche i Nord del mondo. Un dato su tutti: dal 2010 ad oggi, secondo quanto riportato nel dossier di Legambiente Sos acqua: nubifragi, siccità, ondate di calore. Le città alla sfida del clima”, 198 comuni italiani sono stati colpiti da eventi climatici disastrosi con oltre 45.000 sfollati.





SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Il Global compact in aula

La storia di Seikou Drammeh


carmen cretoso
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos